CORSO DI FORMAZIONE 

 

La gestione creativa dei conflitti:

strategie di negoziazione a scuola.

I Edizione

Torino

Sabato 19 novembre 2016

ore 10 - 17,30

Edizioni successive: Venezia, Napoli, Catania

 

Presentazione.

Nel “mondo della scuola”, come in ogni organizzazione complessa che prevede l’interazione tra protagonisti portatori di peculiari interessi, il conflitto è inevitabile. Soprattutto in tempi caratterizzati dalla scarsità delle risorse, non solo economiche. 

I conflitti possono restare per lungo tempo latenti, col rischio di esplodere da un momento all’altro; oppure possono venire affrontati in base a “dinamiche di potere” che non tengono in considerazione gli interessi di tutti i protagonisti in gioco, generando soluzioni “emotive”, “spinte dall’urgenza” o da altri moventi che nulla hanno a che fare con una “gestione creativa del conflitto”.

Se il conflitto resta latente potrà ripresentarsi alla prima occasione sfavorevole, potrà sfuggire al controllo con conseguenze nefaste tipiche di ogni situazione esistenziale in cui si perde il controllo. 

 

La negoziazione è...

...il processo con cui due o più parti definiscono obiettivi comuni che, mediante l’utilizzo integrato delle loro risorse, portino alla massima soddisfazione possibile i loro bisogni, desideri, sogni, visioni del mondo...

 

...l’insieme delle trattative indispensabili per raggiungere l’accordo in una situazione in cui una o più parti devono operare insieme, partendo da posizioni diverse. Se si è già d’accordo non c’è bisogno di negoziare. Se si è contrapposti ci si scontra. Se ci si trova nella terra di mezzo si negozia.

 

Filosofia del conflitto.

Il conflitto è una tematica vasta e complessa che potrebbe essere affrontata da diversi punti di vista disciplinari. Il corso presenta una “filosofia del conflitto”, con l’obiettivo di aiutare i partecipanti a comprendere le origini e le dinamiche di ogni situazione conflittuale e acquisire abilità e strumenti per affrontarle in tutta la propria complessità. La filosofia non mira dunque a risolvere i conflitti bensì a fornire un equipaggiamento per ricercare la soluzione migliore – laddove sia possibile - in uno specifico contesto e in base alle peculiari visioni del mondo dei soggetti coinvolti. 

 

Il corso in aula.

La nostra “filosofia del conflitto” non contiene solo nozioni teoriche o teoretiche; non sono previste solo lezioni frontali bensì laboratori interattivi che utilizzano le metodologie delle Pratiche Filosofiche, un vasto movimento internazionale che mira all'utilizzo del pensiero filosofico per affrontare i problemi vitali che nascono nella quotidianità.

La narrazione di storie di ordinari conflitti consentirà di applicare la teoria nel contesto della vita scolastica e non.

Il corso in aula prevede le seguenti pratiche filosofiche, variabili a seconda dell'edizione del corso.

- Clinica Socratica: “che cos’è il conflitto?” Partendo dalla narrazione di esperienze conflittuali vissute dai partecipanti al corso, si ricerca una definizione condivisa dal gruppo che rappresenterà la base della riflessione e delle pratiche filosofiche successive.

- Homo homini lupus. Il gioco dei conflitti. Attraverso un gioco d’aula i partecipanti verranno introdotti alle principali teorie e strategie della negoziazione presentate nella vasta letteratura sulla materia. I partecipanti acquisiranno un insieme di nozioni teorico-applicative che si riveleranno utili al fine di migliorare la propria capacità di gestione del conflitto.

- Supervisione socratica: laboratorio che prevede l’applicazione delle nozioni acquisite in materia di negoziazione alle esperienze problematiche narrate nella Clinica Socratica, per la ricerca condivisa delle diverse soluzioni possibili. Non sarà la filosofia a dare le soluzioni; la filosofia fornirà gli strumenti per ricercare le soluzioni in maniera condivisa.

- PensiEmoAzioni è un laboratorio neostoico che non insegna a gestire le emozioni ma a comprendere il filo sottile che lega i pensieri, le emozioni e le azioni in una situazione conflittuale. Con esercizio di autoconsapevolezza filosofica delle “passioni tristi”.

 

Dove & Quando

Il corso avrà luogo a Torino presso la sede di Spazio Filosofante, c.so Galileo Galilei 38, oppure presso la sede del Ce.Se.Di., Via Gaudenzio Ferraris 1.

In alternativa potrà avere luogo presso gli Istituti Scolastici qualora sia presente un gruppo di almeno 12 insegnati interessati. Spazi e tempi verranno concordati in base alle esigenze dell'Istituto e del corpo docente. 

 

Costi

Il costo del corso è di 75 euro + iva (91,50). 

Verrà rilasciata una ricevuta che potrà essere rendicontata per il Bonus Insegnanti (L. 107/2015) 

e un attestato di partecipazione.

Per l'iscrizione:

EFFETTUARE UN BONIFICO DI 91,50 EURO AL SEGUENTE IBAN: 

IT51B0306930650100000066772

INTESTATO A LUCA NAVE - SPAZIO FILOSOFANTE C/O ISTITUTO INTESA SAN PAOLO, FILIALE NICHELINO (TO)

COMPILARE E INVIARE LA SCHEDA DI ISCRIZIONE

 

CORSO ACCREDITATO DAL 

CON IL BONUS INSEGNANTI IL CORSO è GRATIS

IN COLLABORAZIONE CON

INFORMAZIONI

Programma in PDF

edizione di torino

vista la natura interattiva dei laboratori i posti sono limitati

ISCRIVITI ADESSO!

scadenza iscrizioni:

10 novembre 2016

​© 2008 by Spazio Filosofante 

 

P.Iva 09748360014

 

 

 

 

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-googleplus